BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Test medicina 2012: cosa fare se non si riesce ad entrare. Polemiche e proteste

Esclusi dai test? Meglio trasferirsi all’estero



Tanti, troppi gli aspiranti medici che hanno sostenuto i test di ingresso per accedere alla facoltà di Medicina e chirurgia. Tante anche le proteste, soprattutto da parte di studenti stranieri, per le domande riportate.

Tanti candidati, dunque, ma per pochi posti: solo, infatti, uno studente su otto potrà iscriversi alla facoltà prescelta in base ai posti disponibili. Se solo uno su otto, di quanti hanno fatto il test (martedì scorso) per l’accesso al corso di laurea in italiano, peggio sarà per quello in inglese che prevede un posto per ogni diciotto candidati (4.369 candidati per 238 posti, in tutta Italia).

E considerando che il numero di coloro che aspirano a diventare medici ma non entreranno a Medicina è piuttosto alto, l’opzione alternativa, come proposto da diverse università private che promettono agli esclusi un accesso e una laurea sicuri, è quella di trasferirsi all’estero, magari solo per un anno, in un Paese dell’est.

Il percorso prevede un anno di studio in altre nazioni europee, per poi tornare in Italia, al secondo anno di Medicina. Insomma, una pista per aggirare il numero chiuso, ma che porta a spendere fino a 50mila euro.

L'agenzia Dire ha indagato e ha scoperto che il business degli esclusi vale fra gli 84mila e i 120mila euro a ragazzo per l'intero corso escluse le spese per vitto e alloggio, soldi che vengono divisi fra gli atenei e i mediatori che mandano fuori i ragazzi, in una serie di atenei distribuiti fra Spagna, Portogallo, Ungheria, Bulgaria e Repubblica Ceca.

Del resto la direttiva Ue 2005/36, recepita con decreto legislativo 206/2007 disciplina il riconoscimento delle qualifiche professionali di medico e odontoiatra acquisite in uno Stato membro. Insomma, i titoli sono equivalenti, per cui, invece di fare una trafila di test che potrebbero portare al fallimento e sbarrare la strada all’accesso all’università, si decide di spendere un bel po’ per ‘investire’ per il proprio futuro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il