Sanatoria immigrati: come funziona. Regole, scadenze e pagamenti

Codici e date scadenza sanatoria immigrati: come fare



Al via da oggi, venerdì 7 settembre, la possibilità per i datori di lavoro di versare il contributo per la regolarizzazione dei lavoratori stranieri. Secondo le stime, questa sanatoria per gli immigrati potrebbe interessare quasi mezzo milione di lavoratori, considerando che la precedente, del 2009, che interessava solo colf e badanti, ha visto la presentazione di 300 mila domande di regolarizzazione.

Questa volta sono interessati tutti i settori produttivi (commercio, servizi ecc.) e tra questi l'edilizia e l'agricoltura, che impiegano centinaia di migliaia di immigrati irregolari.

Il contributo da versare è di mille euro a lavoratore, che vanno versati presso gli sportelli di qualunque agente della riscossione, nelle banche convenzionate o negli uffici postali utilizzando un modello f24 ‘Versamenti con elementi identificativi’, che dovrà essere compilato seguendo le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate, con i dati del datore e del lavoratore, l’importo e il codice del versamento.

L'Agenzia delle Entrate ha reso disponibile il modello F24 da utilizzare per la regolarizzazione, insieme alle istruzioni per la compilazione con i codice ‘REDO’ e ‘RESU’.

Entrambi, rispettivamente per il lavoro domestico (REDO) e per il lavoro subordinato (RESU) sono i codici tributo istituiti dall'Agenzia delle entrate per consentire l’esatta compilazione, da parte dei datori di lavoro, del modello 'F24 Versamenti con elementi identificativi', da utilizzare nella procedura di emersione dal lavoro irregolare 2012.
 

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il