BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bot e Btp: consigli per investimenti settembre dopo scudo antispread Bce-Draghi

Investire dopo piano Draghi: cosa scegliere e come fare



Il piano antispread della Bce ha fatto volare le borse e scendere lo spread tra Btp e Bund tedeschi: vittoria, dunque, per le misure annunciate e realizzate dal presidente della Bce Draghi, che prevedono un piano di acquisti di titoli di Stato che l'Eurotower comprerà, senza limiti quantitativi fissato ex ante, per i Paesi che richiedono l'assistenza finanziaria dell'Europa.

L’acquisto di titoli di Stato scatterà solo dopo che nel Paese beneficiario sarà stato attivato o un piano di aiuti vero e proprio, con riforme e aggiustamenti da attuare. Ma non solo: il piano prevede anche impegni per le riforme, perché in cambio degli acquisti dei titoli di Stato, la Bce concorderà con lo Stato richiedente tempi e modalità delle riforme istituzionali necessarie a mettere in sicurezza i conti pubblici sul lungo periodo, sottoscrivendo un memorandum, che diventerà un impegno stringente per il paese che beneficerà degli aiuti.

Il piano prevede che in assenza delle riforme concordate la Bce si riserva di interrompere i suoi acquisti. Con l’annuncio del nuovo piano Draghi, i risparmiatori abituati a investire in Bot e Btp si ritrovano di fronte ad un nuovo panorama, perché i titoli brevi non saranno più convenienti come prima, ma allungarli significa assumersi dei rischi.

Per fare qualche esempio, dopo l’annuncio del nuovo piano della Bce, i titoli con due anni di vita residua stanno registrando rendimenti sempre più bassi. Il Btp biennale ha terminato, per esempio, la seduta di giovedì con un rendimento del 2,33% lordo, lontanissimi, dunque, quel novembre 2011 in cui tutto quello che vendeva il Tesoro italiano rendeva indifferentemente il 7-8%.

Allungando un pò le scadenze dei Btp, si può raggiungere il 3% netto se si vincola il denaro per dodici mesi o più. Diversa la situazione per i titoli a lunga scadenza che possono sì arrivare a rendere di più, anche il 5%, ma comportando rischi maggiori. Il consiglio in questo caso è diversificare il proprio portafoglio di titoli lunghi in portafoglio, perché il 5,2% lordo è un buon premio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il