BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva Taranto: ecco la soluzione e il progetto Governo Monti

Il futuro dell’Ilva di Taranto: governo a lavoro



Il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera e quello dell'Ambiente Corrado Clini hanno illustrato futuro e situazione dell’Ilva di Taranto, dopo settimane di polemiche e proteste.

La loro relazione ha messo in evidenza la tempestività dell'azione del Governo, intervenuto subito dopo la notizia del sequestro di una parte degli impianti, con la firma di un protocollo di intesa e lo stanziamento di risorse necessarie per favorire il superamento della cause che hanno generato l'intervento della magistratura.

I due ministri hanno, inoltre, sottolineato la strategicità del polo produttivo di Taranto sull'economia regionale e nazionale, che si ripercuote in particolare sull'approvvigionamento di comparti strategici per l'industria italiana, quello degli elettrodomestici, della cantieristica, dell'auto e della meccanica, e sull'occupazione.

L'Ilva di Taranto, infatti, impiega oltre 24 mila lavoratori, tra diretti e indotto. Per questo si cercano soluzioni capaci di garantire continuità produttiva attraverso azioni che possano migliorare la situazione dal punto di vista della sostenibilità ambientale e della tutela della salute dei lavoratori e dei cittadini. Intanto, il prossimo 14 settembre nell'agenda del ministro Clini è in programma una visita a Taranto per fare il punto sullo stato dei lavori.

Del resto, come lo stesso Clini ha detto, “Il risanamento di Taranto non è una questione locale ma un intervento di interesse nazionale. Siamo in un contesto strategico dell'industria italiana, da un lato e per il sistema della logistica, dall'altro. Gli interventi per il risanamento ambientale dell'aera di Taranto rappresentano uno strumento importante anche nella strategia della crescita del nostro Paese, della salvaguardia dell'occupazione, ma anche uno strumento molto importante per lo sviluppo dell'economia italiana in un settore strategico a livello europeo”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il