BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni scuola quota 96: sentenza Oristano e Siena danno ragione a lavoratori

Tribunale Oristano dà ragione ai docenti Quota 96



E sentenza positiva fu: si attendeva con grande ansia la sentenza del Tribunale di Oristano sulla questione pensionandi della scuola che appartengono alla cosiddetta Quota 96, coloro cioè che hanno maturato il diritto alla pensione entro il 31 agosto 2012 e potrebbero uscire dal lavoro secondo le vecchie regole con la cosiddetta Quota 96, data dalla somma del requisito anagrafico e del requisito contributivo.

La speranza per questi lavoratori si era riaccesa con la presentazione al Senato, da parte dell'onorevole Bastico, di un emendamento alla spending review che comprendeva, per coloro che avessero maturato il diritto a pensione entro il 31 agosto 2012, la possibilità di uscire dal lavoro secondo le vecchie regole con la cosiddetta Quota 96, data dalla somma del requisito anagrafico e del requisito contributivo.

Ma l'emendamento è stato respinto al Senato. Poi il Tribunale del Lavoro di Oristano, con un emblematico Decreto Cautelare firmato dal giudice Salvatore Carboni, si era espresso favorevolmente nei confronti di alcuni ricorrenti sardi di Quota 96., rappresentando una svolta fondamentale e ieri la sentenza definitiva. Il giudice del Lavoro di Oristano ha, infatti, congelato le direttive contenute nel decreto blocca-pensioni del ministro Fornero.

Il tribunale di Oristano ha dato ragione a quei docenti che si sono visti negare la pensione a causa della riforma Fornero. I ricorrenti avevano chiesto al giudice del lavoro di annullare gli effetti della legge Fornero relativamente a quanti avrebbero conseguito l’età pensionabile il primo settembre 2012 e ai quali era stato impedito di andare in pensione a causa della riforma pensionistica.

Inoltre, dopo Oristano e Torino anche il giudice di Siena ha dato ragione ai docenti di Quota 96 che si erano visti negare la pensione a causa della riforma Fornero, che non prendeva in considerazione la peculiarità del sistema pensionistico per i docenti che segue l’anno scolastico e non solare

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il