BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma lavoro Fornero-Monti 2012: referendum abrogativo e Articolo 18. Raccolta firme ad ottobre

Nuovo referendum abrogativo: cosa si propone



La riforma del Lavoro firmata dal ministro Elsa Fornero ha fatto discutere non poco ed oggi arriva da un apposito comitato la proposta di un nuovo referendum abrogativo di modo per ripristinare il vecchio articolo 18. Idv, Sel, Rc, Verdi, Pdci, movimenti sindacali Fiom-Cgil voglionoi tutelare il lavoratore, proteggerlo dalla precarietà del mercato e la Cgil sostiene come l’accozzaglia di norme generata dalla riforma del lavoro contribuisca solo ad alimentare una generale confusione e a non tutelare i lavoratori precari che, anzi, rischiano di aumentare di giorno in giorno.

Uno dei principali promotori del comitato è il governatore della Puglia, Nichi Vendola, che sostiene che “i quesiti referendari cercano di reinstaurare la civiltà del lavoro che si fonda sul diritto di non essere licenziati senza giusta causa e vogliono abolire la delega che cancella i contratti nazionali e rende i cittadini ricattabili”.

 Il comitato, inoltre, con il referendum abrogativo, si propone di modificare la situazione delle associazioni in partecipazione che spesso non sono altro che un paravento per dissimulare una subordinazione camuffata da lavoro autonomo. Grazie alla collaborazione NidlL e Filcams si stanno stipulando accordi che mirano alla trasformazioni delle tante associazioni in partecipazioni. La raccolta firme per il nuovo referdum abrogativo prenderà il via il prossimo mese di ottobre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il