BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva Taranto: importanti incontri oggi mercoledì 13 settembre, ma continuo blocco Dl in Parlamento

Futuro e preoccupazioni Ilva di Taranto: cosa sta succedendo



Si dovrebbero sapere in queste ore le ultime novità sul futuro dell’Ilva di Taranto, l'impianto siderurgico le cui aree di produzione a caldo sono state sequestrate il 25 luglio scorso per disastro ambientale.

Questa mattina sono, infatti, in corso incontri che i sindacati metalmeccanici terranno con il presidente Bruno Ferrante mentre successivamente vedranno i custodi, Barbara Valenzano, Emanuela Laterza e Claudio Lofrumento, ai quali sono state affidate le aree sequestrate.

La preoccupazione dei sindacati metalmeccanici è aumentata dopo la disposizione che blocca l'accesso delle materie prime ai parchi minerali, una delle aree sequestrate. Se non affluiscono più carbone fossile e minerale di ferro all'Ilva, sarà difficile tenere in funzione gli altiforni. Il blocco, hanno precisato i custodi giudiziari incontrando i sindacati, è finalizzato a ridurre le colline di polveri minerali stoccate nell'area posta sotto sequestro.

Quando gli enormi cumuli diminuiranno, potranno arrivare al porto nuovi approvvigionamenti di materie prime per la produzione. Altre questioni riguardano poi i progetti di miglioramento ambientale.

Intanto ieri in mattinata il procuratore ha anche incontrato gli ufficiali della guardia di finanza che seguono il secondo filone d'inchiesta, denominato ‘ambiente venduto’, che riguarda presunti rapporti di corruzione fra vertici del siderurgico ed amministratori pubblici, oltre che presunte attività illecite nella gestione di alcune discariche in uso all'Ilva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il