BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola 2012: le domande e i punteggi del test per accedere alle prove bando

Nuovo concorso scuola: domande e quiz della preselezione



Il bando per il nuovo concorso per la scuola 2012 uscirà il 24 settembre 2012 e cresce l’attesa per sapere come saranno organizzate le graduatorie e i requisiti per accedere al concorso.

Esso partirà da una preselezione, che consisterà in un test a risposte multiple (quiz) su temi di informatica e sulle lingue e sarà uguale per tutte le classi di concorso e il candidato dovrà rispondere entro 50 minuti correttamente ad almeno 40 quesiti.

Le domande saranno di logica, comprensione del testo, informatica e lingua straniera e, nel dettaglio, ci saranno 15 domande di capacità logiche; 15 di capacità di comprensione verbale del testo; 10 di competenze informatiche; e 10 di conoscenza della lingua straniera.

La risposta corretta vale 1 punto, la risposta non data vale 0 punti e la risposta errata vale –0,5 punti. Il candidato deve in particolare dar prova di conoscere l’inglese e l’informatica. Sono ammessi alla prova scritta i candidati che hanno conseguito un punteggio non inferiore a 35/50.

Coloro che supereranno la preselezione potranno accedere alla prova scritta, che si svolgerà a gennaio 2013 e consisterà in una prova di verifica delle competenze disciplinari con domande su argomenti specifici. Chi supererà la prova scritta sosterrà poi quella orale, che consisterà in una simulazione di una lezione per verificare l’abilità didattica dell’insegnante.

Le prove d’esame si concluderanno alla fine di luglio 2013. Secondo le prime indiscrezioni, il Ministero starebbe pensando a degli interventi sulla tabella dei punteggi per maggiorazioni che potrebbero indicare una selezione nella selezione, denunciando il fatto in tal modo verrà dimenticato che gli abilitati delle graduatorie in questi anni accanto al servizio hanno accumulato tanti titoli culturali nel solco della valutazione che richiedono le regole per la graduatoria ad esaurimento.

Novità di questo concorso della scuola riguarda l’assegnazione delle cattedre, in particolare degli 11.892 posti, ben 9 mila saranno assegnati a scuole che si trovano in queste regioni: Campania, Puglia, Lazio e Sicilia.

Il Ministro dell’Istruzione Profumo crede nella validità dei vecchi metodi di concorso e ne spiega le ragioni: “Da adesso in avanti avremo vincitori pari ai posti disponibili. Chi non riuscirà a passare, ci riproverà in primavera e poi ogni due anni avrà un’occasione”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il