BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Spread Btp-Bund e scudo Draghi-Bce: ritorno investimenti obbligazioni e azioni euro

Si torna a investire sull’euro dopo piano Draghi: la situazione



Il piano antispread della Bce del presidente Mario Draghi ha riportato entusiasmo e fiducia sui mercati: ha fatto volare le borse e portato a scendere lo spread tra Btp e Bund tedeschi.

La Bce ha deciso: comprerà senza limiti quantitativi fissato ex ante, i titoli di Stato dei Paesi che richiedono l'assistenza finanziaria dell'Europa, a patto però che i Paesi che saranno aiutati manterranno gli impegni di crescita e sviluppo presi. Pena, la revoca degli aiuti.

Il piano prevede, infatti impegni per le riforme, perché in cambio degli acquisti dei titoli di Stato, la Bce concorderà con lo Stato richiedente tempi e modalità delle riforme istituzionali necessarie a mettere in sicurezza i conti pubblici sul lungo periodo, sottoscrivendo un memorandum, che diventerà un impegno stringente per il paese che beneficerà degli aiuti. In assenza delle riforme concordate la Bce potrà interrompere i suoi acquisti.

Dopo l’annuncio del nuovo piano della Bce, i titoli con due anni di vita residua stanno registrando rendimenti sempre più bassi. Diversa la situazione per i titoli a lunga scadenza che possono sì arrivare a rendere di più, anche il 5%, ma comportando rischi maggiori.

E JP Morgan Asset Management torna a investire sui titoli di stato italiani e spagnoli: sono diversi, infatti, i grandi fondi di investimento internazionali tornati ad acquistare titoli di Stato di Italia e Spagna, sulla scia del piano di possibili interventi previsti dalla Banca centrale europea.

Sono tornati ad investire sugli acquisti di bond di Italia e Spagna anche Standard Life Investment, fondo britannico, l'americana BlackRock e la BlueBay Asset Management.

La situazione di rinnovata fiducia nei confronti di Btp e obbligazioni spagnole è conseguenza non solo del nuovo piano cosiddetto antispread di Mario Draghi, ma anche dell’andamento delle aste delle settimane scorse. Le aste italiane e spagnole di titoli di stato, infatti, hanno fatto registrare tassi in calo in entrambi i casi. Sembra, dunque, che gli investitori siano tornati a puntare sull’euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il