BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva Taranto: blocco attività urgente per magistratura. Solo bonifica permessa

Sequestrati gli impianti dell'area a caldo dell'Ilva



Il sequestro degli impianti dell'area a caldo impone l'eliminazione delle emissioni inquinanti e pericolose e all'uomo e inibisce qualunque attività produttiva: bloccate dunque tutte le attività dell’impianto siderurgico dell’Ilva di Taranto. Questo quanto precisato dal procuratore di Taranto Franco Sebastio.

L'utilizzo degli impianti in questione è consentito all'unico fine della bonifica degli stessi in vista della loro eventuale successiva riutilizzazione a fini produttivi e pertanto occorre adottare tutte le cautele tecnicamente necessarie per evitare, dove possibile, il deterioramento o la distruzione degli impianti medesimi. Il sequestro, inoltre, inibisce l'utilizzo degli impianti e delle aree sequestrati a fini produttivi, compresi i parchi minerari.

I custodi-amministratori provvederanno all'attuazione definitiva sulla base delle prescrizioni e degli interventi tecnici che saranno da loro determinati, così come peraltro disposto nei provvedimenti di sequestro emessi dal Gip e dal Tribunale del Riesame, riferendone a questo Ufficio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il