BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Inpdap dipendenti pubblici 2012: tagli e verifiche Inps

Al via nuove verifiche per pensionati Inpdap: inviate lettere



Nuove verifiche dell'Inpdap nei confronti dei pensionati titolari di prestazioni collegate al reddito, iscritti alle gestioni ex Inpdap, delle situazioni reddituali influenti sulla misura delle prestazioni.

La verifica è stata effettuata sulla base dei redditi complessivi, diversi da pensione, relativi alle dichiarazioni dei redditi 730/Cud/Unico 2011 (redditi 2010) integrati con i dati presenti presso il Casellario centrale dei pensionati relativi all’anno 2011. Limitatamente alle pensioni ai superstiti è stato escluso l’importo delle pensioni reversibili/indirette.

Nel caso in cui risultino corrisposti importi pensionistici superiori rispetto a quelli spettanti in applicazione dei limiti di cumulabilità, il debito complessivo accertato, relativo al periodo primo gennaio-31 dicembre 2011, sarà recuperato, sulla base delle vigenti disposizioni in materia di recupero degli indebiti, a decorrere dalla rata di novembre 2012.

Qualora la somma aggiuntiva erogata nel corso del 2011 risulti superiore a quella spettante sulla base delle dichiarazioni reddituali, con la rata di novembre 2012, l’Istituto recupera dell’importo eccedente quanto dovuto. I pensionati interessati riceveranno una lettera con la quale sarà comunicato l’importo del debito e le relative modalità di recupero delle somme erogate e non spettanti. La trattenuta operata sarà pari ad un quinto dell’importo complessivo della pensione.

Ai pensionati titolari di assegno Inpdap che dovessero risultare debitori, l’Istituto invierà una lettera informativa per comunicare l’importo del debito e le relative modalità di recupero.

Chi riceverà la lettera ma dovesse riscontrare inesattezze o imprecisioni negli importi dei redditi considerati potrà presentare ricorso e segnalarlo alla sede Inp competente allegando la certificazione reddituale relativa all’anno considerato, entro 30 giorni dalla ricezione della lettera.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il