BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva Taranto: oggi piano azienda contro chiusura e per bonifica

Evitare lo spegnimento degli impianti: oggi la proposta



Questa mattina l'Ilva di Taranto presenta alla Procura della Repubblica della città il piano di ambientalizzazione dell'azienda siderurgica con l'obiettivo di evitare lo spegnimento degli impianti e i conseguenti problemi occupazionali.

Il presidente Bruno Ferrante ha convocato i sindacati territoriali dei metalmeccanici Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil, nel pomeriggio alle 15:30, per illustrare i dettagli del piano.

Lo stesso ex prefetto terrà alle 16 una conferenza stampa nella palazzina della direzione dello stabilimento. Intanto la discussione sul futuro dello stabilimento siderurgico di Taranto continua a suscitare non poche polemiche e dibattiti soprattutto sulla questione della mortalità cresciuta nell’ultimo periodo.

Dagli ultimi dati raccolti, risulterebbe, infatti, che la mortalità nell’area di Taranto è superiore del 10% alla media. Questo quanto emerge dal progetto Sentieri dell’Istituto superiore di sanità che ha monitorato nel periodo 2003-2008 la zona a ridosso dell’Ilva che ha annunciato che investirà 400 milioni di euro per il risanamento dell’impianto, mentre il ministero dell’Ambiente si costituirà parte civile al momento del processo.

Ma il ministro dell’Ambiente, corrado Clini, ritiene comunque ci siano “margini di incertezza sul rapporto causa-effetto della mortalità per tumori della popolazione di Taranto”, considerando inoltre che nella zona ci sono numerose fonti di inquinamento (una raffineria, un cementificio e un arsenale, ormai in disuso, per la costruzione delle navi): si tratta di tutta una serie di attività a rischio per l’amianto.

Secondo il ministro, “le malattie tumorali possono derivare da esposizione prolungata, e in taluni casi hanno una incubazione di 40 anni. Ma, senza dati epidemiologici, occorre non creare allarmismi che possono frenare il risanamento stesso dell’Ilva. Vogliamo risanare il più grande centro siderurgico d’Europa, vogliamo proteggere i cittadini, ma senza allarmismi”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il