BusinessOnline - Il portale per i decision maker








I migliori fondi di investimento 2012 azionari Italia per rendimento finora

Fondi di investimento azionari 2012: i migliori



I fondi comuni di investimento sono strumenti finanziari (Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio, OICR) che raccolgono il denaro di risparmiatori che affidano la gestione dei propri risparmi ad una società di gestione del risparmio (SGR) con personalità giuridica e capitale distinti da quelli del fondo.

I fondi comuni sono gestiti dalle società di gestione del risparmio (SGR), che si occupano della promozione, istituzione e gestione di fondi comuni di investimento. Le SGR fanno solitamente parte di un gruppo bancario o assicurativo.

I fondi comuni di investimento azionari sono fondi comuni il cui portafoglio è costituito unicamente da azioni e la differenza con l'investimento individuale direttamente in azioni è che così è possibile diversificare i titoli azionari e acquistarli in quantità elevate.

In questo modo il trend negativo di alcune azioni verrà bilanciato da quello positivo di altre. Secondo un’analisi di Corriereconomia, i fondi azionari Italia da inizio anno al 23 agosto in media sono saliti del 5,7% con punte, per i primi tre classificati, superiori al 10%: Axa Framlington Italy (18,84%), Fidelity Italy (14,44%) e Schroder Isf italian equity (10,21%) offrono, infatti, buoni risultati, che potrebbero migliorare o svanire, a seconda degli sviluppi europei.

Per Gilles Guibot, gestore del fondo Axa World Funds Framlington Italy, primo classificato “Per i prossimi 6-12 mesi l’andamento del mercato italiano dovrebbe sempre rimanere legato alle dichiarazioni sull’Europa e il mercato, quello italiano in particolare, dovrebbe rimanere correlato alle aspettative sulla zona euro”.

I settori sui quali puntano ora i gestori che hanno battuto il mercato sono le aziende esposte a temi di crescita globali, come Pirelli e Luxottica; le banche, che hanno fatto aumenti di capitale e pulito i propri bilanci; le aziende che esportano; e aziende che hanno ancora opportunità di ristrutturazione, come Parmalat e Autogrill.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il