BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola: proteste e manifestazioni precari oggi 21 settembre contro requisiti partecipazione

Oggi e domani in piazza contro il concorso della scuola: i motivi



Nonostante le continue novità che riguarderanno lo svolgimento del concorso per la scuola 2012, il primo che si sostiene dal lontano 1999, oggi, venerdì 21 settembre, la Flc Cgil scenderà in piazza in tutte le città italiane con presìdi davanti alle prefetture, assemblee aperte, sit-in.

I lavoratori precari della conoscenza, delle scuole, delle università, degli enti di ricerca, dei conservatori e delle accademie celebreranno il giorno del merito, iniziativa con cui vogliono ricordare i meriti e i diritti acquisiti di un'intera generazione di docenti e Ata, le competenze e le conoscenze, le esperienze e i progetti per una scuola migliore, di qualità.

E anche l'Anief critica il concorso. Domani, poi, sabato 22 settembre saranno i coordinamenti autonomi dei precari della scuola e l'Usb a scendere in piazza per dire ‘No al concorso truffa’.

Secondo quanto spiegato da una precaria di Palermo in una intervista rilasciata a Repubblica “I precari sono contrari al concorso perché hanno già in passato superato una o più procedure concorsuali, molto più selettive e molto più idonee a stabilire il livello di preparazione di un docente.

Buona parte dei precari nelle graduatorie a esaurimento proviene dalle costose Ssis (le Scuole di specializzazione all'insegnamento secondario) di durata biennale, periodo durante il quale i futuri docenti hanno svolto 200 ore di tirocinio diretto in classe, oltre ad avere l'obbligo di superare i 25 esami previsti dal piano di studi.

In pratica, un'altra laurea magistrale conquistata lavorando gratis per lo Stato in classe”. Secondo i precari, inoltre, la probabilità che fra gli 11.892 neo insegnanti ci sia qualche giovane è ridotta al minimo, perché il concorso è riservato a coloro che sono già inseriti nelle graduatorie provinciali dei precari: supplenti già abilitati all'insegnamento e, in media, attorno ai 40 anni di età.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il