BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pagamenti entro 30 giorni tra imprese: approvato disegno di legge. Nessun obbligo per lo Stato

Ok ai pagamenti fra imprese entro 30 giorni. Esclusi i crediti verso le Pa



La Camera ha approvato il disegno di legge che impone che i pagamenti tra imprese avvengano entro 30 giorni, recependo così la direttiva Ue del 2011. Da questo vincolo sono escluse le aziende che hanno crediti verso la Pubblica Amministrazione.

Il testo ora richiede l'approvazione dell'aula e poi il successivo passaggio al Senato. Il disegno di legge prevede che i pagamenti tra imprese avvengano entro 30 giorni (con ulteriore proroga di altri trenta), con l'esclusione di quelle che vantano crediti verso la Pubblica amministrazione.

“È un piccolo passo avanti”, ha commentato la presidente della commissione Manuela Dal Lago (Lega). “Anche se il vincolo non riguarda le imprese che hanno crediti nei confronti della pubblica amministrazione”.

Se il testo approvato dalla commissione verrà confermato l'impresa che ha a che fare con una controparte che non paga entro i 30 giorni può andare alla camera di commercio, farsi fare una certificazione e un decreto ingiuntivo.

L'impresa creditrice può, infatti, chiedere alla Camera di commercio la certificazione del proprio credito che, una volta ottenuta secondo una ben precisa procedura, è titolo valido per chiedere al giudice competente l'ingiunzione di pagamento. La ditta debitrice, una volta ricevuta l'ingiunzione può rivolgersi alla Camera di Commercio perchè svolga una mediazione con l'impresa creditrice.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il