BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola 2012: posti per regioni e classi disponibili. La lista completa

Più posti al Sud che al Nord: è caccia alla cattedra



Campania, Puglia e Sicilia: sono disponibili in queste regioni la maggior parte dei posti messi in palio per il concorso della scuola 2012 che ‘sistemerà’ parecchi insegnanti per la scuola infanzia e primaria.

Secondo quanto annunciato, infatti, dallo stesso ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, degli 11.542 posti messi in palio dal bando, ben 6.550 sono destinati alle otto regioni meridionali, che sarebbero Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia, Sardegna; buona parte dei posti saranno disponibili nelle quattro regioni dell'Italia centrale, Toscana, Lazio, Umbria e Marche, e soltanto 2.635 posti andranno alle sei regioni padane.

Per fare qualche esempio per dare il quadro della situazione, in Campania i posti disponibili per ottenere lo status di docente di ruolo saranno quasi il doppio di quelli riservati alla Lombardia: 1.921 contro 1.059. La ripartizione dei posti per regione sarebbe stata effettuata guardando alle uscite per pensionamenti previste per il prossimo triennio.

Possono candidarsi al concorso le persone già inserite nelle vecchie graduatorie, i diplomati delle Scuole di specializzazione all'insegnamento secondario (Ssis), i laureati entro il 2001/02 (per i corsi di laurea quadriennali, oppure 2002/03 per quelli quinquennali).

Per i posti banditi per le scuole elementari, potranno accedere al concorso sia i diplomati delle magistrali (fino al 2001) sia i laureati in Scienze della formazione. Il concorso garantirà la copertura di 7.351 posti per l'anno scolastico 2013-2014 e 4.191 per l'anno scolastico 2014-2015


 Per vedere posti disponibili per regioni e tipologie di scuole cliccare qui:


http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/SoleOnLine5/_Oggetti_Correlati/Documenti/Notizie/2012/09/Ripartizione-posti-concorso-scuola.pdf?uuid=ac121e46-0355-11e2-9388-5bdcf624c8fb7

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il