BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola: i precari e la protesta. Non solo i requisiti di partecipazione

Concorso scuola 2012 e proteste: i motivi



Domani, martedì 25 settembre, esce il bando per il concorso per la scuola 2012 intanto venerdì e sabato scorso a Roma è infuriata la protesta degli insegnanti precari che hanno manifestato contro il concorso che assegnerà quasi 12mila cattedre entro il 2013.

A protestare gli iscritti di diverse sigle Cobas provenienti da numerose città d’Italia, ma non solo. Secondo Mimmo Pantaleo, segretario della Flc-Cgil questo concorso nella scuola è inutile e costoso perchè in pratica possono partecipare solo i precari i cui nomi figurano da anni nelle graduatorie.

Delle prove d’esame, di come saranno articolate e di quello che dovrebbe essere il calendario dei test abbiamo parlato in più di un post. In generale, degli 11.542 posti da assegnare, 7.531 cattedre saranno occupate a partire dall’anno scolastico 2013-14, le altre 4.191 dal 2014-15.

Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha detto che dopo questo concorso non ci saranno più nuove graduatorie. Per le classi di concorso, poi, un terzo dei neoassunti saranno insegnanti delle scuole primarie, 2.300 saranno  professori di ambito lettere alle superiori e 1.400 saranno assunti alla scuola dell’infanzia. Un migliaio invece i posti per il sostegno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il