BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutuo: rate si possono sospendere ma a nuove condizioni e regole secondo Riforma Fornero

Sospendere le rate dei mutui: come fare



Se chiedere oggi la surroga di un mutuo non conviene, perché spesso il passaggio da una banca all’altra può pesare a causa dei costi e perché a volte le condizioni che si rivelano inizialmente vantaggiose nel tempo tendono a svanire, sospendere il pagamento delle rate dei mutui si può.

Basta osservare le nuove condizioni della riforma Fornero. La nuova riforma del Lavoro 2012 del ministro Fornero prevede infatti molte novità per chi ha perso l’occupazione e tra queste la sospensione delle rate del mutuo per l’acquisto della prima casa.

Con la riforma Fornero la sospensione del pagamento della rata del mutuo è subordinata solo ad eventi intervenuti successivamente alla stipula del contratto di mutuo e accaduti nei tre anni antecedenti alla richiesta di ammissione al beneficio della sospensione.

Per ottenere la sospensione delle rate del mutuo devono sussistere la perdita del posto di lavoro dipendente o parasubordinato; e l’insorgenza di handicap e di condizioni di non autosufficienza di un componente della famiglia che percepisce almeno il 30% del reddito complessivo dell’intero nucleo convivente. La banca può concedere la sospensione senza che siano fornite, ulteriori garanzie aggiuntive, e senza il pagamento di commissioni aggiuntive o spese istruttorie

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il