BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: oggi 25 settembre Inps chiude verifiche. Come presentare domanda se non si è inclusi

Esodati: chi può presentare domanda e come fare. Le verifiche Inps



L’Inps chiude oggi le verifiche sul primo gruppo di esodati, circa 65mila lavoratori già fuori dal mondo del lavoro, ma ancora senza i requisiti per la pensione a causa delle nuove norme della riforma Fornero. Ma c’è ancora tempo per coloro che non rientrano in questa prima platea di salvaguardati.

Presso le direzioni territoriali del lavoro, infatti, sono state create delle commissioni che fanno il monitoraggio delle istanze presentate e ne valutano i requisiti. L’elenco è sul sito del Ministero del lavoro. Qui si trova anche il modulo per presentare l’istanza che deve essere inviata on line entro il 21 novembre.

Le Commissioni territoriali lavoratori salvaguardati sono appunto state istituite per monitorare il numero di istanze presentate dai lavoratori e valutarne i requisiti, anche se alla fine non spetterà alla commissione approvare o meno le domande dei lavoratori esodati, ma sarà l'Inps ad avere l’ultima parola.

Le suddette commissioni avranno solo il compito di verificare se la pratica è idonea alla successiva valutazione dell'Istituto di previdenza. I lavoratori devono compilare il modello pubblicato sul sito e allegare la dichiarazione sostitutiva di certificazione e una copia del documento d'identità.

Ricordiamo che i lavoratori interessati alla salvaguardia sono i lavoratori collocati in mobilità sulla base di accordi sindacali stipulati anteriormente al 4 dicembre 2011; i lavoratori in congedo per assistere i figli con disabilità grave; e i lavoratori il cui rapporto di lavoro si sia risolto entro il 31 dicembre 2011, in ragione di accordi individuali e che siano in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi che, secondo quanto previsto dalla normativa precedente alla riforma pensionistica, avrebbero comportato la decorrenza del trattamento pensionistico entro un periodo non superiore a 24 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201/2011, cioè entro il 6 dicembre 2013, non devono essersi rioccupati in nessun’altra attività.

Chi ha interrotto il proprio rapporto di lavoro sulla base di accordi individuali piuttosto che collettivi, così come tutti gli esonerati dalla Pubblica Amministrazione piuttosto che in congedo temporaneo e straordinario, dovranno esplicitamente chiedere di venir inclusi nell’elenco sopra riportato. Una volta inoltrata la domanda, le commissioni poi valuteranno le domande che riguardano i primi 65mila lavoratori salvaguardati.


Per ulteriori informazioni cliccare qui:


http://www.lavoro.gov.it/Lavoro/PrimoPiano/Lavoratori_Salvaguardati.htm

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il