BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: novità sul decreto dei 55mila da Ministro Fornero

Si lavora al nuovo decreto per allargare la platea degli esodati: novità



Dopo aver ‘salvaguardato ‘ i primi 65 mila esodati, il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, in occasione dell’incontro con i sindacati sulla Fiat, ha annunciato che sta mettendo a punto un nuovo decreto che interesserà gli altri 55mila esodati individuati, fra cui rientrerebbero anche i lavoratori dell’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese e quelli di Irisbus.

Intanto l’Inps ha chiuso le verifiche sul primo gruppo dei 65mila lavoratori già fuori dal mondo del lavoro, ma ancora senza i requisiti per la pensione a causa delle nuove norme della riforma Fornero. L’elenco è sul sito del Ministero del lavoro, dove si trova anche il modulo per presentare l’istanza che deve essere inviata on line entro il 21 novembre.

Chiunque, infatti, può chiedere un appuntamento presso l'Inps o un ente di patronato, per controllare la propria posizione di salvaguardato. Una volta verificato il diritto pensionistico, occorre chiedere di essere inseriti nelle liste degli esodati, che sono a numero chiuso, tramite una istanza per via telematica alla Direzione territoriale del lavoro.

I lavoratori interessati alla salvaguardia sono coloro collocati in mobilità sulla base di accordi sindacali stipulati anteriormente al 4 dicembre 2011; i lavoratori in congedo per assistere i figli con disabilità grave; e i lavoratori il cui rapporto di lavoro si sia risolto entro il 31 dicembre 2011, in ragione di accordi individuali e che siano in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi che, secondo quanto previsto dalla normativa precedente alla riforma pensionistica, avrebbero comportato la decorrenza del trattamento pensionistico entro un periodo non superiore a 24 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201/2011, cioè entro il 6 dicembre 2013, non devono essersi rioccupati in nessun’altra attività.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il