BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola bando 2012: requisiti per poter partecipare

Requisiti e titoli di studi necessari per accedere al concorso: cosa serve



Abilitati e laureati, ma solo in determinati corsi di laurea e in determinati anni accademici: ieri l’uscita del bando ufficiale per il concorso per la scuola 2012 ha dato gli ultimi chiarimenti su chi potrà partecipare al concorso e che requisiti dovrà necessariamente avere.

Innanzitutto, il bando chiarisce che potranno accedere al concorso, come trapelato già nelle scorse settimane, gli abilitati; i docenti in possesso del titolo di laurea conseguito entro il 2001/02 per corsi quadriennali, 2002/03 per i corsi quinquennali e 2003/04 per i corsi esaennali; i diplomati Isef, Conservatori, Accademie, che hanno conseguito i diplomi entro l’anno in cui si conclude il periodo prescritto dal relativo piano di studi a decorrere dall’anno accademico 1998/99.

Per la scuola primaria e dell'infanzia, potranno partecipare alla selezione gli abilitati, i laureati in Scienze della formazione e anche i diplomati entro l'anno scolastico 2001/2002; mentre per la scuola secondaria di primo e secondo grado, potranno accedere gli abilitati all’insegnamento e i laureati in possesso di un titolo di studio del vecchio ordinamento, conseguito entro l'anno 2001/02, per i corsi di studio quadriennali, 2002/03 per quelli quinquennali e 2003/04 per quelli di sei anni di durata. 

Tra i richiesti ai candidati, conoscenza di una lingua straniera comunitaria; conoscenza dei fondamenti della psicologia dello sviluppo dell’età evolutiva e cognitiva; conoscenza dei modi e degli strumenti idonei all’attuazione di una didattica integrata e personalizzata; competenza pedagogico-didattica; competenze digitali relative all’utilizzo dei programmi Word, Excell, Outlook, Power Point; capacità di orientarsi sul versante della ricerca pedagogico-didattico e delle scienze dell’educazione e attitudini a selezionare le impostazioni metodologiche più idonee e coerenti con gli obiettivi formativi delle discipline oltre che con il potenziale di apprendimento proprio del livello di età dei discenti; possesso della metodologia della ricerca nel reperimento e nell’uso delle fonti, attraverso strumenti bibliografici e digitali; capacità di lavoro in gruppo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il