Cartelle Equitalia: annullamento automatico entro 220 giorni. Legge vicina

Multa annullata se dopo 220 giorni Equitalia non risponde: la novità



Multa annullata se dopo 220 giorni Equitalia non risponde: la commissione Finanze del Senato ha, infatti, messo a punto il testo di un ddl che permette l’annullamento delle cartelle di pagamento per tributi o sanzioni amministrative prescritti anche da lungo tempo inviate da enti esattori come Equitalia.

Secondo questo sistema, il contribuente che dovesse ricevere una cartella esattoriale prescritta o errata potrà, entro 90 giorni dalla notifica, presentare una dichiarazione all’ente creditore, che avrà ulteriori 60 giorni per dare una risposta.

Trascorsi 220 giorni dalla dichiarazione iniziale, la multa sarà automaticamente annullata se Equitalia, o qualsiasi altro ente creditore, non avrà fornito alcuna risposta. Il ddl prevede però che le nuove regole si applichino anche a tutti coloro che hanno presentato dichiarazioni per contestare le cartelle prima dell’entrata in vigore della legge.

Previste però megasanzioni per i cittadini che cercheranno di fare i furbi e che potrebbero arrivare a dover sborsare dal cento a duecento per cento dell’ammontare delle somme dovute.

Rimane da sciogliere il nodo delle ganasce fiscali: al momento il testo prevede l'abrogazione di quanto predisposto in materia dal governo Berlusconi, e cioè applicabilità, per i debiti sotto i 2mila euro, solo in seguito a due comunicazioni da parte dell'amministrazione, la seconda a distanza di sei mesi dalla prima. Ora, parte della commissione chiede di abbassare la soglia a 1.000 euro e di dimezzare i tempi fra il primo e il secondo avviso.


Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il
Puoi Approfondire