BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti Correnti in Rosso: da lunedì 1 Ottobre 2012 nuove regole e nessuna commissione

Conti in rosso: niente più commissioni se si sfora di 500 euro per meno di sette giorni



Saranno in vigore da lunedì primo ottobre le nuove norme per i correntisti che vanno in rosso e che non prevedono alcuna commissione in caso di saldo esaurito.

Dal primo ottobre, infatti, chi va in rosso sul proprio conto corrente non pagherà commissioni per scoperti sino a 500 euro a condizione che non duri più di 7 giorni. Il decreto dispone infatti che le commissioni siano consentite solo in determinate ipotesi e per determinati importi.

Per i Conti Corrente con Affidamento, cioè se la banca ha offferto al cliente una somma o ha aperto una Iinea di credito con facoltà del cliente di utilizzarla e di ripristinarne la disponibilità, la commissione sullo scoperto non può superare lo 0,5% a trimestre, applicato sull'importo del fido stesso; mentre per chi ha aperto Conti Corrente senza Affidamento, in assenza di fido o se il cliente va in rosso oltre le somme concesse in fido (extrafido), l'ente creditizio potrà far pagare solo una commissione di istruttoria veloce, una sorta di rimborso spese, che si aggira sui 30-40 euro per la maggior parte delle banche.

Considerano l'entrata in vigore di questa novità, sarebbe consigliabile che i correntisti verificassero con la propria banca gli oneri applicati dal primo ottobre, prestando particolare attenzione alle nuove condizioni penalizzanti, al fine di brutte sorprese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il