BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni e fondi di investimento per investire in Cina: i migliori 2012 e le previsioni

Puntare sulle obbligazioni cinesi: buona strategia per il futuro



Sembrano ormai essere diventato il nuovo oggetto del desiderio degli investitori e le previsioni per fine 2012 nei prossimi mesi di ottobre, novembre e dicembre dicono che dovrebbe andare sempre meglio, sempre se però trattati con cautela. Si tratta dei prodotti di investimento cinesi, delle sue obbligazioni governative e dei suoi fondi di investimento.

L’ultimo, lanciato da poco, è l’Invesco Renminbi fixed income fund, ma si tratta di una categoria, secondo un’indagine di Corriereconomia, destinata a crescere, perché, come spiega Giuliano D' Acunti, responsabile distribuzione retail di Invesco in Italia, “Mentre i Paesi maturi sono alle prese con elevati livelli di debito pubblico ed economie in forte rallentamento, gli Emergenti possono vantare finanze statali più solide e una crescita sostenuta: un contesto che crea opportunità d' investimento nei titoli governativi delle nuove economie e in particolare di quella cinese.

Riteniamo indispensabile dedicare un 4-5% del portafoglio alla valuta di Pechino, che potrebbe diventare la seconda divisa mondiale nel corso dei prossimi 10 anni”.

Le obbligazioni governative cinesi, soprannominate Dim Sum, come il celebre piatto della cucina di Hong Kong sono appetibili per gli investitori istituzionali e Bryan Collins, gestore del Fidelity funds China Rmb bond fund, ha spiegato, infatti, che “Il mercato delle obbligazioni Dim Sum, scambiate sul mercato di Hong Kong, offre interessanti opportunità grazie anche alle emissioni di aziende internazionali che finanziano le loro attività in Cina utilizzando la valuta locale, come per esempio McDonald' s e Volkswagen”.

Ciò che si prevede è che le obbligazioni denominate in renminbi dovrebbero rappresentare nei prossimi mesi il modo migliore per investire, anche perchè la valuta si è rafforzata nei confronti dell' euro sull'onda della crisi del debito sovrano.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il