BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola: domande e risposte più frequenti

Le domande più frequenti sul prossimo concorso per la scuola



Le domande per partecipare al prossimo concorso per la scuola 2012 dovranno essere inoltrate sul sito del Miur dal 6 ottobre al 7 novembre e non oltre. In base alle ultime precisazioni riportate dal bando ufficiale, pubblicato il 25 settembre, potranno accedere al concorso solo determinate categorie di aspiranti insegnanti.

1) Chi potrà accedere al concorso?

Il bando precisa che possono partecipare al concorso coloro che siano in possesso dell’abilitazione; docenti in possesso del titolo di laurea, purchè conseguito entro il 2001/02 per corsi quadriennali, 2002/03 per i corsi quinquennali e 2003/04 per i corsi esaennali; diplomati (ISEF, Conservatori, Accademie) che hanno conseguito i diplomi entro l’anno in cui si conclude il periodo prescritto dal relativo piano di studi a decorrere dall’anno accademico 1998/99. Per la scuola primaria e dell'infanzia, potranno partecipare alla selezione gli abilitati, i laureati in Scienze della formazione e anche i diplomati entro l'anno scolastico 2001/2002; per la scuola secondaria di primo e secondo grado, l'accesso alle prove sarà riservato a coloro che sono già in possesso di un'abilitazione all'insegnamento e ai laureati in possesso di un titolo di studio del vecchio ordinamento, conseguito entro l'anno 2001/02, per i corsi di studio quadriennali, 2002/03 per quelli quinquennali e 2003/04 per quelli di sei anni di durata.

2) Quali sono i requisiti richiesti per accedere al concorso?

I requisiti culturali e professionali richiesti ai candidati ai concorsi per posti di insegnamento nella scuola dell’infanzia, primaria, e per gli istituti di istruzione secondaria di primo e secondo grado sono conoscenza di una lingua straniera comunitaria; conoscenza dei fondamenti della psicologia dello sviluppo dell’età evolutiva e cognitiva; conoscenza dei modi e degli strumenti idonei all’attuazione di una didattica integrata e personalizzata; capacità di orientarsi sul versante della ricerca pedagogico-didattico e delle scienze dell’educazione e attitudini a selezionare le impostazioni metodologiche più idonee e coerenti con gli obiettivi formativi delle discipline oltre che con il potenziale di apprendimento proprio del livello di età dei discenti; competenza pedagogico-didattica che garantiscano il possesso di attitudini a collocare gli argomenti in corrette e motivate ipotesi di successione di apprendimenti all’interno delle attività di programmazione del Consiglio di classe; competenze digitali relative all’utilizzo dei programmi Word, Excell, Outlook, Power Point; possesso della metodologia della ricerca nel reperimento e nell’uso delle fonti, attraverso strumenti bibliografici e digitali; capacità di lavoro in gruppo per l’elaborazione e lo sviluppo di un’articolata programmazione didattico-educativa, nell’ambito del progetto di istituto.

3) Come si svolgerà il concorso?

Si parte da una preselezione, che si svolgerà a dicembre, esclusivamente online. Le domande previste dovrebbero essere 50, fra cui 7 domande sulle conoscenze informatiche e 7 sulla conoscenza di una lingua comunitaria. I minuti a disposizione per completare la prova saranno 50. Per passare la prova bisognerà dare 35 risposte corrette e superato il test telematico preliminare, a cura di Cineca, verranno inviati, divisi per classi di concorso, gli elenchi di chi supera la preselezione alle direzioni regionali.

4) Quando si svolgeranno le prove successive?

Coloro che supereranno la preselezione potranno accedere alla prova scritta, che si svolgerà a gennaio 2013 e consisterà in una prova di verifica delle competenze disciplinari con domande su argomenti specifici. Chi supererà la prova scritta sosterrà poi quella orale, che consisterà in una simulazione di una lezione per verificare l’abilità didattica dell’insegnante. Le prove d’esame si concluderanno alla fine di luglio 2013.

5) Quali saranno i titoli considerati nei punteggi e che valore avranno?

Solo dopo la preselezione e l’accesso ai test scritti e orali, saranno valutati i titoli: una laurea con 110 varrebbe 2 punti, la laurea triennale 1,5 punti, il dottorato di ricerca 3 punti, l'abilitazione tramite Siss 1,5 punti, l'abilitazione all'esercizio di una professione 1 punto e pare 0,20 punti per ogni articolo pubblicato (inerente la materia scelta).

6) Quanti sono i posti disponibili?

Saranno 11.542 i posti disponibili per i docenti che saranno assunti con il nuovo concorso per la scuola 2012, la maggior parte dei quali disponibili più nelle regioni del Sud che in quelle del Nord.

7) Quali sono le Regioni italiane con più posti disponibili?

Degli 11.542, ben 6.550 sono destinati a otto regioni meridionali, che sarebbero Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia, Sardegna. Parte dei posti saranno disponibili nelle quattro regioni dell'Italia centrale, Toscana, Lazio, Umbria e Marche, e soltanto 2.635 posti andranno alle sei regioni padane. Il concorso garantirà la copertura di 7.351 posti per l'anno scolastico 2013-2014 e 4.191 per l'anno scolastico 2014-2015.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il