BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: su Dl per rivedere Decreto Fornero in Parlamento è scontro tra Damiano e Cicchitto

Nuovo scontro sugli esodati: ad ottobre in Autla nuovo Dl



Dopo essere stato bloccato nel suo approdo in Aula dal Pdl, si torna a parlare di nuovo Dl per gli esodati. Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, in occasione dell’incontro con i sindacati sulla Fiat la scorsa settimana, aveva annunciato di essere a lavoro su un nuovo decreto che interesserà gli altri 55mila esodati individuati, fra cui rientrerebbero anche i lavoratori dell’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese e quelli di Irisbus, mentre l’Inps ha chiuso le verifiche sul primo gruppo dei 65mila lavoratori già fuori dal mondo del lavoro, ma ancora senza i requisiti per la pensione a causa delle nuove norme della riforma Fornero.

In riferimento a quanto annunciato dal ministro del Lavoro, Dario Franceschini in un tweet sulle decisioni del calendario parlamentare prese dalla Conferenza dei capigruppo, ha scritto ‘In aula in ottobre non ci sono le intercettazioni, ma c’è la legge Damiano per gli esodati.

Adesso tutti devono passare dalle parole ai fatti’. “La calendarizzazione ad ottobre della legge 5103, che affronta il tema dei lavoratori rimasti senza reddito a seguito della riforma Fornero, è un’ottima notizia” ha detto il capogruppo del Pd nella commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, che ha aggiunto: “Il Pdl aveva fermato la calendarizzazione ma siamo riusciti a ottenere l'avvio della discussione per il prossimo 8 ottobre.

Rassicuriamo il capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto circa la comune intenzione di voler intervenire sul problema, per noi socialmente rilevante, dei lavoratori rimasti senza stipendio e senza pensione a causa della riforma Fornero”.

Damiano, capogruppo Pd nella commissione Lavoro alla Camera, e primo firmatario della proposta di legge sugli esodati, ha inoltre spiegato: “Noi ci proponiamo di correggere la riforma delle pensioni per impedire che ci siano persone che rimangono per anni senza reddito. Purtroppo, nonostante le rassicurazioni del governo, questo sta accadendo già per molti lavoratori nel corso del 2012”.

Poi Damiano ha ricordato a Cicchitto che “la proposta e le relative coperture attraverso la tassazione dei giochi online sono state già votate all'unanimità in Commissione lo scorso 7 agosto, quindi anche dai rappresentanti del suo gruppo”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il