BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spread Btp Bund alto per Grecia e Spagna, ma trimestre positivo grazie a Bce e Draghi

Ancora tensioni sui mercati ma trimestre positivo



Grecia e Spagna sono di nuovo nell’occhio del ciclone, con il Paese iberico tornato ad essere osservato speciale dell’eurozona. Secondo alcuni analisti, il picchio della crisi spagnola, che coinciderà con la richiesta di aiuti all'Ue da parte di Madrid, sarà l'inizio di una nuova fase di assestamento degli assetti politico-finanziari del vecchio continente.

Bruxelles ha stanziato 100 miliardi di euro e Madrid ha lasciato intendere che ne avrebbe utilizzati 60 per salvare il suo sistema bancario. Ma la cifra è probabilmente destinata a salire.

Nonostante qualche difficoltà e andamento altalenante, i mercati hanno accolto bene le decisioni del vertice europeo di fine giugno che aveva varato il cosiddetto piano anti-spread: il saldo complessivo del trimestre appena concluso, sia per le Borse che per i titoli di Stato, è stato infatti positivo.

L'intervento della Bce ha sostenuto soprattutto le quotazioni dei titoli di Stato di Italia e Spagna i cui rendimenti sono calati nettamente negli ultimi due mesi, soprattutto sulle brevi scadenze (quelli interessati da un eventuale intervento della Bce).

Il tasso sul BoT a 3 mesi, che a fine giugno era al 2,2%, ha chiuso venerdì scorso a quota 0,65%, mentre il rendimento sul titolo spagnolo a due anni, che, come ricordato, a luglio aveva toccato un picco al 6,79%, ha chiuso l'ultima seduta al 3,34%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il