BusinessOnline - Il portale per i decision maker




Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?



Aggiungici alle tue cerchie (clicca su Segui):

Concorso scuola 2012: i ricorsi. Chi può farli e come. Non solo i precari

Ricorsi concorso scuola 2012: chi e perché li presenterà


Le polemiche e i malcontenti scatenati dalle novità che riguardano il concorso per la scuola 2012 porteranno, come annunciato, ad una pioggia di ricorsi pronti ad arrivare. I ricorsi potrebbero modificare la situazione e, in alcuni casi, bloccare il concorso.

Il problema più grande riguarda le abilitazioni per cui ci si chiede quale ruolo abbiano gli abilitati e i non abilitati nel concorso e se e come possono partecipare alla selezione soprattutto i circa 10.000 diplomati magistrali che non sanno cosa fare.

Se, infatti, negli anni precedenti i diplomati magistrali sono stati sempre inseriti nelle fasce tra i non abilitati, non hanno ricevuto alcun tipo di abilitazione, cosa che non gli permette di entrare a far parte delle Graduatorie ad Esaurimento. Appare, pertanto, necessario chiarire quale sia la posizione dei diplomati magistrale nel bando di concorso che rischia di tagliare fuori un numero impressionante di persone con caratteristiche e competenze ma senza requisiti.

I ricorsi potrebbero arrivare anche da quanti ritengono illegittimo escludere i laureati degli ultimi dieci anni o i soli dipendenti della scuola. Molti ritengono anche sbagliata la soglia dei quesiti della prova preselettiva e la mancanza di una nuova graduatoria di merito per i prossimi tre anni.

Proteste anche contro l’esclusione dal concorso dei docenti di ruolo: è, infatti, incostituzionale vietare ai dipendenti in servizio a tempo indeterminato la partecipazione al concorso, quando si concede tale possibilità a tutti gli altri dipendenti del pubblico impiego.

I ricorsi piovono anche contro l’obbligo della prova in lingua straniera nella scuola elementare e contro la soglia di 35/50 come punteggio minimo del test preselettivo, giacchè il punteggio minimo deve essere pari al vecchio voto 6, corrispondente pertanto a 30 e non a 35/50 come minimo richiesto.




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 01/10/2012 alle ore 10:10