BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti Correnti Ottobre 2012: i migliori a confronto

I migliori conti correnti di ottobre: quale scegliere



Scegliere di aprire un conto corrente sembra un’operazione molto semplice ed effettivamente pur essendolo nelle procedure in realtà richiede attenzione, soprattutto nella valutazione delle condizione che propone. Il tutto ovviamente da valutare in base alle proprie esigenze.

Le condizioni, chiaramente, variano da banca a banca, per questo motivo prima di decider se optare per un conto piuttosto che per un altro, sarebbe meglio confrontare le diverse offerte. Il conto corrente è uno strumento finanziario finalizzato alla gestione del denaro, che consente il versamento e il prelievo del denaro, il suo trasferimento attraverso bonifici, l’accredito dello stipendio, la domiciliazione delle utenze e viene usato per depositare i risparmi.

L’apertura di un conto corrente presso una banca dà inoltre all’utente la possibilità di usufruire del bancomat per prelevare denaro e di strumenti di pagamento diversi dal contante, come il carnet di assegni, il bancomat stesso, le carte ricaricabili e le carte di credito.

I conti correnti sono oggi identificati univocamente dall’IBAN, un codice che li identifica univocamente a livello internazionale. Fra gli elementi che compongono gli Iban dei conti italiani compaiono il codice Abi dell'Istituto dove il conto è domiciliato, il Cab dell'agenzia e il numero di conto.

Tra le migliori offerte oggi disponibili c’è Conto Arancio di Ing Direct, conto a zero spese, a canone gratuito, con imposta di bollo pari zero e che permette operazioni come bonifici e prelievi, gratuite.

A seguire troviamo il Conto Corrente di Fineco: anch’esso a zero spese, a canone gratuito, con operazioni come bonifici e prelievi gratuiti, ma prevede un’imposta di bollo di 34,20euro. Stessa imposta di bollo per il conto Webank di Webank.it, che prevede poi canone, bonifici e prelievi gratuiti. Stesse operazioni gratuite sono garantite anche dal conto di Youbanking, ma anche per questo bisogna pagare un’imposta di bollo annua di 34,20 euro.

 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il