BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva Taranto: Decreto Legge Aia più importante decisioni tribunale. Ma è sempre scontro

Situazione Ilva Taranto preoccupante: 20 ottobre manifestazione a Roma



Il Senato ha approvato il decreto sull' Ilva, che reca disposizioni urgenti per il risanamento ambientale e la riqualificazione del territorio di Taranto. Il provvedimento è stato convertito definitivamente in legge e rappresenta una prima risposta che governo e Parlamento hanno messo a disposizione nei confronti di una città che ha pagato un tributo altissimo di fronte a una emergenza nazionale di straordinaria gravità.

Intanto la segretaria generale della Cgil Susanna Camusso, parlando della nuova Aia per l'impianto siderurgico, il cui iter si concluderà a metà ottobre con la Conferenza dei servizi, ha detto che “La nuova Autorizzazione integrata ambientale (Aia) per lo stabilimento Ilva di Taranto deve essere preminente rispetto all'ordinanza di chiusura disposta dal gip. Non può esserci un perenne conflitto istituzionale.

Se c'è una norma legislativa che si chiama Aia, vale l'Aia. Bisogna dare certezze alle imprese e ai lavoratori, la Cgil è molto preoccupata”. Poi alla domanda se considera dunque preminente le disposizioni dell'Aia per adeguare Ilva agli standard ambientali e sanitari, la Camusso ha risposto di sì.

Per la sindacalista la chiusura dell'impianto pugliese va scongiurata, pur attuando il risanamento nei tempi più rapidi possibili, perché “Chiudere quell'impianto, anche se per poco, vuol dire chiuderlo definitivamente. I due temi, quello del risanamento e quello dell'attività produttiva, non vanno posti in contraddizione”.

Intanto, è in programma per sabato 20 ottobre a Roma una manifestazione nazionale di tutte le aziende in crisi, dall'Ilva all'Alcoa, alla Fiat, a Finmeccanica, organizzata dalla Cgil. Ad annunciarlo è stato il segretario generale della Fiom Cgil, Maurizio Landini a Taranto. Alla manifestazione, che si terrà a Piazza San Giovanni, parteciperà anche la leader della Cgil Susanna Camusso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il