BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: Ddl oggi 8 Ottobre voto alla Camera per cambiare Riforma Fornero

Nuovo Dl esodati in Aula ma problemi copertura



Arriva oggi in Aula la nuova legge delle riforma Fornero che porrà al centro la questione degli esodati. Il disegno di legge sugli esodati vuole allarga la platea dei possibili beneficiari e introdurre deroghe alla riforma Fornero delle pensioni, con un costo di circa cinque miliardi di euro, ma senza una vera copertura finanziaria.

La proposta, infatti, amplia la platea dei beneficiari delle deroghe alla riforma Fornero sulle pensioni con un peso sulla Finanza pubblica ingente: 240 milioni di euro per l'anno 2013, 630 milioni nel 2014, 1,040 miliardi nel 2015, 1,220 miliardi nel 2016, 1,030 miliardi nel 2017, 610 milioni per il 2018 e 300 milioni dal 2019.

Ma la copertura, al momento, non esiste, e il ministero delle Finanze pensa di ricavarla da misure in materia di giochi pubblici online, lotterie istantanee e apparecchi e congegni di gioco, per ottenere maggiori entrate.

Il testo nasce dall'unificazione di tre diverse proposte di legge depositate da Cesare Damiano (Pd), dal capogruppo della Lega Giampaolo Dozzo e dall'Idv Giovanni Paladini.

Intanto è in programma per domani, 9 ottobre, il presidio di Cgil, Cisl e Uil a piazza Montecitorio per chiedere al Parlamento di accelerare la discussione e l'approvazione di una legge che allarghi la salvaguardia dai nuovi requisiti pensionistici per i lavoratori esodati, a partire dal testo del disegno di legge unificato, approvato all'unanimità dalla Commissione lavoro della Camera dei deputati.

Ad annunciarlo sono stati gli stessi sindacati in una nota congiunta. Le tre sigle sindacali, infatti, ritengono che la questione dei lavoratori esodati, delle ricongiunzioni onerose e della proroga delle deroghe già previste dal D.lgs 503/92 rappresentino una vera e propria emergenza sociale, cui deve essere data una risposta definitiva e strutturale in tempi brevi .

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il