BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni scuola quota 96: le richieste dei sindacati, ma nessun politico interviene

Quota 96: tutto tace. Sindacati pronti a richiedere ulteriori chiarimenti e ricorsi



La sentenza di Oristano, sui cosiddetti pensiondandi della scuola Quota 96, era attesa come svolta fondamentale dopo la fallita votazione al milleproroghe dello scorso febbraio, con la presentazione al Senato, da parte dell'onorevole Bastico, di un emendamento alla spending review che comprendeva, per coloro i quali avessero maturato il diritto a pensione entro il 31 agosto 2012, la possibilità di uscire dal lavoro secondo le vecchie regole con la cosiddetta Quota 96, data dalla somma del requisito anagrafico e del requisito contributivo.

I ricorrenti avevano chiesto al giudice del lavoro di annullare gli effetti della legge Fornero relativamente a quanti avrebbero conseguito l’età pensionabile il primo settembre 2012 e ai quali era stato impedito di andare in pensione a causa della riforma pensionistica.

Il tribunale di Oristano ha dato ragione ai docenti che si sono visti negare la pensione a causa della riforma Fornero. Ma non solo Oristano: insieme alla sentenza del tribunale sardo, anche quella di Torino, Cagliari e Siena sui cosiddetti pensionandi della scuola di Quota 96, che hanno dato ragioni ai docenti, hanno fatto pensare che la modifica alla riforma Fornero per le pensioni fosse vicina, ma tutto sembra tacere nel mondo della politica all’indomani di tali sentenze.

E nessuna figura politica interviene in materia. Per questo si sono fatti avanti i sindacati a chiedere ulteriori spiegazioni del perché nulla si muove sotto questo punto di vista.

Sembra, infatti, come se nessuno si interessasse alla questione, ma la voce di pensionandi della scuola e sindacati inizia a farsi sentire forte, soprattutto dopo la scadenza della presentazione delle domande di appello alla sentenza del Tar Lazio che aveva affermato la propria non competenza. Ora i sindacati, Confsal in pole position, sono pronti a impugnare la sentenza, sperando in una risoluzione favorevole.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il