BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Lavori usuranti: pensione difficile da ottenere dopo Riforma Fornero. Cambiamenti possibili

Pensione per lavoratori usuranti: le novità che potrebbero arrivare



La pensione anticipata per chi svolge lavori usuranti è spesso un obiettivo irraggiungibile anche per chi ne avrebbe diritto: su 11mila domande presentate all’Inps tra novembre e giugno, quando è scaduto il termine per chi voleva beneficiarne entro il 2012, oltre 8mila sono state respinte.

Secondo il presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua, nella maggior parte dei casi le richieste di uscita anticipata non sono state accolte perchè la documentazione allegata era insufficiente a provare che il lavoratore ha effettivamente svolto l’attività usurante.

Altro ostacolo sulla strada di chi avrebbe voluto andare in pensione in anticipo è la crisi economica, che ha costretto molte imprese alla cassa integrazione. La normativa in vigore richiede che il lavoratore abbia svolto attività faticose per sette anni nell’ultimo decennio, e per i 12 mesi precedenti la presentazione della domanda di pensionamento.

Tra i beneficiari individuati dalla legge c’è chi ha svolto almeno 64 turni notturni ma ne servono 78 per ottenere lo sconto pieno. Ma qualcosa anche per questa categoria di lavoratori sembra potersi muovere con la discussione della proposta Damiano su esodati e pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il