BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: legge Damiano e partiti per cambiare Riforma Fornero più vicini. Ultime notizie

Legge di Stabilità, esodati: la Ragioneria boccia il ddl



La Ragioneria generale dello Stato ritiene che la proposta di legge dell’ex ministro Damiano che amplia la platea dei lavoratori esodati da tutelare e modifica in parte i requisiti per l'accesso alla pensione non abbia sufficiente copertura. La proposta di legge prevede uno stanziamento di 5 miliardi per finanziare un ulteriore ampliamento della platea degli esodati da tutelare, oltre i 120.000 già salvaguardati dal governo con risorse per circa 9 miliardi.

Ma secondo la relazione tecnica della Ragioneria, l'ampliamento della platea degli esodati costerà 10,476 miliardi cumulati tra il 2012 e il 2025; la deroga ai requisiti per andare in pensione avrà un onere di 16,842 miliardi cumulati tra il 2013 e il 2022; mentre circa 5 miliardi sempre cumulati saranno gli oneri per l'estensione ai dipendenti pubblici dei requisiti per la salvaguardia.

Oltre 30 miliardi nel decennio, dunque, a fronte dei 5 miliardi previsti nel testo approdato ieri all'esame dell'aula della Camera ma che subirà un rallentamento in attesa che si chiarisca la questione delle coperture.

Con l’approvazione della Legge di Stabilità 2012-2013, si è tuttavia aperto uno spiraglio che prevede la possibilità di attingere nuove risorse per questa categoria di lavoratori dal cosiddetto Fondo Letta. Secondo il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, lavoratori che hanno fatto accordi per l'uscita dal lavoro entro il 31 dicembre 2011 contando sulla possibilità di andare in pensione devono poterci andare con le regole precedenti la riforma Fornero.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il