Prestiti 2012: forte aumento dei finanziamenti mentre diminuiscono i mutui

In calo i mutui in aumento i prestiti: la condizione delle famiglie italiane



La crisi economica che sta attanagliando l’Italia  ha portato molti italiani a far ricorso ai propri risparmi per ‘sopravvivere’, tra spese, tasse, case. Molti, non avendo a disposizione la liquidità necessaria, si sono rivolti a prestiti e finanziamenti personali.

Da alcuni dati di Bankitalia emerge che circa300mila  famiglie in Italia non riescono a pagare i loro debiti, rappresentano l'1,2% del totale e il 5,5% di quelle indebitate. Di queste, circa 160mila, ossia lo 0,6% del totale, è talmente sovra indebitato al punto che, non solo non riesce a pagare, ma le sue passività sono superiori alle attività.

Inoltre, l’85% di questi nuclei familiari arriva con molta difficoltà a fine mese. Altro dato che emerge è però che gli indebitamenti degli italiani derivano dai prestiti ma che al contrario risulta in calo la percentuale delle famiglie indebitate per un mutuo.

Questa riduzione, registrata tra il 2008 e il 2010, riguarda soprattutto i nuclei con un reddito basso ed è stata determinata sia dal calo della domanda di finanziamenti sia da condizioni di offerta più restrittive, fortemente cresciute con l'intensificarsi della crisi

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il