BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Decreto semplificazioni 2 Bis: le novità e misure ufficiali del testo Ottobre 2012

Approvato il ddl semplificazioni bis: le misure



Lavoro e previdenza, edilizia, infrastrutture, beni culturali, privacy, ambiente: questi i capitoli principali del nuovo Decreto semplificazioni bis. Il premier Mario Monti ha sottolineato che si tratta di “un importantissimo proseguimento dell'opera fatta in passato e prevede una semplificazione sia per i cittadini che per le imprese”.

Tra le misure principali: arrivano procedure più snelle per i lavoratori stagionali, via libera ad un certificato unico per cambio di residenza e pagamento della Tarsu, procedure più snelle per il settore edilizio e nuove norme in materia di privacy e ambiente.

Per quanto riguarda il settore dell’edilizia, scompare il silenzio-rifiuto e arriva il silenzio-assenso per il rilascio del permesso di costruire, per cui ‘decorso inutilmente il termine per l'adozione del provvedimento conclusivo, ove il dirigente o il responsabile dell'ufficio non abbia opposto motivato diniego, sulla domanda di permesso di costruire si intende formato il silenzio-assenso, fatti salvi i vincoli ambientali, paesaggistici o culturali’.

Via libera poi ai certificati unici anagrafici relativi a cambio della residenza o del domicilio del contribuente e dichiarazioni di iscrizione, variazione o cessazione relative al tributo della Tarsu, la tassa sui rifiuti. Approvati alcuni adempimenti formali in materia di sicurezza sul lavoro.

Altra novità: con il Durc (il Documento Unico di Regolarità Contributiva) si prenderà atto anche che un'azienda ha un credito (nei confronti dell'erario) e lo può compensare, e, infine, viene meno lo sconto (del 2%) sul tasso d'interesse per il pagamento dilazionato dei crediti contributivi dell'Inps da parte delle imprese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il