BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di stabilità: congelamento contratti statali indennità ferie e iva più alta confermati

Iva sù di un punto e blocco stipendi statali: le misure del Dl stabilità



Confermato il blocco dei contratti per gli statali fino al 2014 e per il 2013-2014 non sarà erogata neanche l'indennità di vacanza contrattuale, che tornerà nel 2015 calcolata sulla base dell'inflazione programmata, confermato anche l’aumento dell’Iva da luglio 2013 ma di un solo punto. Queste due delle novità contenute nella Legge di Stabilità appena approvato.

Tornando al blocco degli stipendi per i dipendenti pubblici, secondo le stime della la Fp Cgil i dipendenti pubblici nel periodo 2010-2014 perderanno fino a 240 euro lordi al mese, per un totale di quasi 6mila euro annui, sommando il blocco dei contratti, l'indennità di vacanza contrattuale e l'aumento dell'inflazione.

Secondo poi la la Fp Cgil ha calcolato che a perdere più degli altri saranno i dipendenti degli enti pubblici non economici (quali Inps, Inail, ecc) con -290 euro.  Con la nuova Legge di stabilità è stato confermato anche l’aumento dell’Iva l’aumento ma di un solo punto, dal 10 all'11% e dal 21 al 22% a partire da luglio 2013. 

L'aumento dell'Iva di un punto, secondo le stime, significa una stangata media annua, considerando la famiglia media Istat di 2,4 componenti, di 273 euro: 176 euro per l'Iva dal 21 al 22% e 97 euro per l'Iva dal 10 all'11%. E secondo il Codacon la situazione sarà ben peggiore per le famiglie più numerose: 324 euro per una famiglia di 3 persone, 432 per 4 componenti.

Secondo Confcommercio, l’aumento dell’Iva sui prezzi porterà un aumento di 8 decimi di punto nel luglio 2013, per un'inflazione che passerà nella media del 2013 dal previsto +1,8% a +2,2%, riducendo il potere d'acquisto delle famiglie e quindi anche i consumi nel 2013 rispetto allo scenario di base (-0,8%) di un ulteriore decimo di punto (quindi a -0,9%) con effetti sul 2014 quantificabili complessivamente in 3-4 decimi di punto (quindi da +0,5 a +0,1-0,2%).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il