Legge stabilità: detrazioni sanitarie, mutui, assicurazioni e altre spese. Lista aggiornata

Legge stabilità e detrazioni: le spese colpite



La nuova Legge di Stabilità prevede una stretta su diverse agevolazioni fiscali, dai mutui, all'incremento delle accise sulla benzina per il terremoto dell'Emilia, alle spese mediche e sanitarie.

Sono, infatti, più di dieci milioni gli italiani che rischiano di vedersi tagliare le detrazioni sulle spese sanitarie, quelle documentate con lo scontrino fiscale della farmacia o con la fattura del medico o del dentista, sui mutui, o le assicurazioni. L'introduzione della franchigia di 250 euro, prevista dalla legge di Stabilità, di fatto riduce lo sconto fiscale a tutti coloro che hanno un reddito complessivo superiore a 15mila euro all'anno.

Non saranno, invece, colpite le ristrutturazioni. Facendo degli esempio, per quanto riguarda mutui scuola e badanti, la franchigia fa diminuire l'agevolazione massima e per l'asilo nido si passa da uno sconto massimo di 120 euro a 72,58.

Dimezzati gli sconti anche per le spese mediche veterinarie, per cui il vantaggio fiscale massimo passa da 49 a 26 euro. Altro punto dolente della riforma degli sconti fiscali è quello della retroattività, per cui gli effetti si sentiranno sulle dichiarazioni dei redditi di quest'anno.

Gli oneri detraibili dal 2012, inoltre, possono essere convertiti in detrazione nella misura del 19% per la parte che supera i 250 euro. Questo importo deve essere sottratto da ciascun onere detraibile. Gli oneri sono detraibili dall'Irpef per un ammontare complessivo non superiore a 3.000 euro per ciascun periodo d'imposta.

Non sarà applicato il tetto massimo alle spese sanitarie. La stretta alle agevolazioni colpirà una vasta platea di contribuenti, con un reddito complessivo sopra i 15.000 euro, comportando risparmi importanti per le casse dello Stato.

Le norme che escludono dalla detrazione ogni singolo onere per la parte fino a 250 euro e che prevedono il limite complessivo di 3mila euro, non si applicano ai contribuenti titolari di reddito fino a 15mila euro. Ricordiamo che i tagli degli sconti fiscali, con la franchigia e il tetto, restano retroattivi.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il