BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Vertice Europeo oggi 18 Ottobre 2012 crisi euro ed economica: le novità e i temi

Oggi nuovo vertice Ue su futuro eurozona: temi in discussione



Prende il via questo pomeriggio a Bruxelles il vertice dei capi di Stato e di governo  che discuterà semplicemente dei temi attuali che riguardano crisi economica e futuro dell’euro. Non è prevista, infatti, alcuna decisione di rilievo ma si parlerà solo di eventuali nuove proposte per il riassetto dell'Eurozona.

Le proposte sono contenute nel rapporto elaborato dal presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, in collaborazione con i presidenti della Commissione, José Manuel Barroso, della Bce Mario Draghi e dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker, e riguardano la proposta di un budget di Eurolandia, separato e complementare rispetto a quello dell'Ue a 27, con una corrispettiva capacità di bilancio (fiscal capacity) dei paesi dell'euro.

Probabilmente si affronteranno anche le proposte presentate nelle ultime ore dal ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang, Schaueble, sulla creazione di un supercommissario Ue agli Affari economici e finanziari, con poteri sui bilanci degli Stati membri simili a quelli, molto significativi, del commissario alla Concorrenza nel campo della politica antitrust.

In discussione anche la cosiddetta Vigilanza Unica bancaria, per cui Francia, Italia e Spagna insistono perché entri in vigore a pieno regime il primo gennaio 2013, come stabilito già a fine giugno, ma la Germania ritiene impossibile rispettare la scadenza, così la questione sarà affidata ai ministri delle Finanze Ue; la questione della ricapitalizzazione delle banche; e i tempi da concedere a Spagna e Grecia per i loro salvataggi.

Sulla questione del concedere più tempo ad entrambe i Paesi, la Germania sembra aver aperto uno spiraglio. La cancelliera angela Merkel ha infatti detto “io mi auguro che la Grecia resti nell'eurozona. In Grecia la situazione è tutt'altro che facile, ma c'è una forte voglia dia cambiamento”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il