BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva Taranto: Aia nuova versione pronta per firma di Clini. Le ultime notizie aggiornate

Ilva: arriva nuova Aia. Continuano procedure spegnimento impianti sequestrati



Soddisfatto il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, per la chiusura della procedura di Autorizzazione integrata ambientale (Aia) dell'Ilva di Taranto. Ma l'azienda solleva perplessità sui costi degli interventi e sul rischio di minore competitività in Europa.

Il provvedimento prevede l’adeguamento alle migliori tecnologie europee in campo siderurgico, la fermata e il rifacimento dell’altoforno 1 e 3, l’adeguamento del 2 e del 4, mentre per i parchi minerari è prevista la riduzione della giacenza media del 30%, la copertura dei cumuli polverosi, l’arretramento dei parchi di circa 80 metri e nei giorni ventosi riduzione del 10%.

Secondo Clini, la nuova Aia rappresenta “una svolta non solo per l'impresa ma per le amministrazioni pubbliche. Le misure richieste sono severe e puntuali e corrispondono a precisi obiettivi, indicati dall'applicazione delle nuove tecnologie indicate dall'Europa. Il provvedimento sarà operativo tra qualche giorno, dopo la pubblicazione del decreto sulla Gazzetta ufficiale”.

Ma la nuova nuova Autorizzazione integrata ambientale per l’esercizio dell’attività siderurgica, non bloccherà automaticamente le procedure di spegnimento degli impianti sotto sequestro dal 26 luglio perché inquinanti.

Con la nuova autorizzazione, l’azienda potrebbe valutare la possibilità di chiedere una modifica del provvedimento di sequestro. Intanto, le procedure di spegnimento degli impianti sequestrati vanno avanti, sotto il controllo dei tre ingegneri-custodi (il quarto custode è il presidente dell’Ilva, Bruno Ferrante) che due giorni fa hanno consegnato in Procura una relazione nella quale si segnalerebbe ancora una volta la scarsa collaborazione da parte dell’azienda a rendere esecutivi i provvedimenti della magistratura

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il