BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di stabilità 2013: detassazione salari, tobin tax e statali. Cosa cambia per gli stipendi

Stipendi statali tra tagli e blocchi e tobin tax: le misure della Legge di Stabilità



Stipendi statali, tra tagli e blocchi, tobin tax e altre misure: queste alcune delle novità contenute nella nuova Legge di stabilità. Si parte dalla conferma del blocco dei contratti per gli statali fino al 2014 e per il 2013-2014 non sarà erogata neanche l'indennità di vacanza contrattuale, che tornerà nel 2015 calcolata sulla base dell'inflazione programmata.

Secondo le stime della la Fp Cgil i dipendenti pubblici nel periodo 2010-2014 perderanno fino a 240 euro lordi al mese, per un totale di quasi 6mila euro annui, sommando il blocco dei contratti, l'indennità di vacanza contrattuale e l'aumento dell'inflazione.

Con la Legge di stabilità ci si impegna anche, però, ridurre la tassazione sui salari di produttività per 1,6 miliardi di euro nel biennio 2013-2014 (previo accordo tra le parti sociali).

Vincenzo Di Biasi, responsabile dell'ufficio studi di Fp Cgil, ha spiegato che “In termini di cassa i dipendenti pubblici perderanno 8.000 euro medi nei cinque anni per effetto del blocco dei contratti dal 2010 al 2014, dello stop alla indennità di vacanza contrattuale e per l'aumento dell'inflazione. Una perdita di potere d'acquisto che può arrivare fino a 290 euro in meno al mese”.

In particolare la Fp Cgil ha, infatti, calcolato che a perdere più degli altri saranno i dipendenti degli enti pubblici non economici (quali Inps, Inail, ecc) con -290 euro, -270 euro ai dipendenti delle Agenzie fiscali, i dipendenti del Servizio sanitario nazionale -230, quelli delle Regioni e delle autonomie locali -215 e i ministeriali -210.

Altra novità contenuta nella Legge di Stabilità l’arrivo della cosiddetta Tobin Tax. Si tratta di una tassa sulle transazioni finanziarie, pensata per colpire tutte le transazioni sui mercati con l’obiettivo di stabilizzare i mercati, penalizzando le speculazioni valutarie a breve termine. L'aliquota sulle transazioni sarebbe molto bassa: le proposte, solitamente, vanno dallo 0,5% all'1%. Si stima che a un tasso dello 0,1%, la tassa riesca a garantire annualmente 166 miliardi di dollari.

Ad affermare la necessità della Tobin tax anche in Italia è stato il ministro dell'Economia Vittorio Grilli. Il governo si è detto, infatti, convinto che le misure siano coerenti con gli accordi presi in sede europea ma si dice anche pronto a fare gli aggiustamenti necessari. Il ministro Grilli ha, però, precisato che saranno esclusi dalla tassa sulle transazioni finanziarie i titoli di Stato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il