BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ripresa Economica Italia, quando? L'ISTAT vede dei segnali di ripresa

Giovannini: “Ci sarebbero segnali di ripresa”. Ma necessaria sempre cautela



Mentre si continua a barcollare nell’oceano dell’incertezza economico e finanziaria, non solo in Italia, a causa delle crisi dell’Eurozona, che fra alti e bassi, sembra persistere, arrivano come uno spiraglio di luce le parole del presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, secondo cui “Ci sarebbero segnali di ripresa. Segnali incoraggianti, ancorché non univoci, sono emersi anche nelle ultime settimane”.

Ma il presidente dell'Istat ha anche specificato che è necessaria comunque “la cautela nell'interpretazione di questi dati, vista la difficoltà a destagionalizzare, in una fase congiunturale incerta come l'attuale, i dati relativi al mese di agosto”.

Secondo Giovannini, infatti “Segnali di sofferenza permangono dal lato delle famiglie: nel secondo trimestre il loro potere d'acquisto si è ridotto dell'1,6% rispetto al trimestre precedente e del 4,1% rispetto al secondo trimestre del 2011, portando al 3,5% la perdita di potere d'acquisto rispetto ai primi sei mesi del 2011”.

Dopo aver ritenuto le riduzioni delle aliquote Irpef vantaggiose, soprattutto per le famiglie meno numerose, Giovannini è intervenuto anche sulla scelta di spegnere le luci delle città spiegando. Questa decisione, infatti, secondo il presidente dell’Istat, penalizzerà, secondo i dati di un'indagine del 2009, le donne che provano una sensazione di insicurezza nel 37% dei casi contro il 20,1% degli uomini.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il