BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: Riforma Fornero superata in Commissione. Cosa cambia e i nuovi numeri. Le ultime notizie

Una nuova tassa sui ricchi per salvare gli esodati: la novità della Legge di Stabilità



La commissione lavoro della Camera ha approvato all'unanimità un emendamento alla Legge di Stabilità che amplia le salvaguardie per gli esodati. La proposta è passata con il no del governo, dato per ragioni di coperture finanziarie.

L'emendamento approvato in commissione Lavoro ora dovrà essere sottoposto all'esame della commissione Bilancio. L'ampliamento delle garanzie per gli esodati prevede tra le coperture anche un contributo di solidarietà del 3% per la parte di reddito che supera i 150mila euro.

Si tratta di una tassa sui ricchi in stile Hollande che colpirà redditi sopra i 150mila euro, pensionati compresi, da cui  sarà prelevato il 3% dei guadagni. L'emendamento che amplia le garanzie per gli esodati stabilisce che nel Fondo da 100 milioni previsto dal governo confluiscano tutte le risorse stanziate per i lavoratori esodati, pari a 9 miliardi di euro.

Inoltre prevede che eventuali risparmi all'interno di questo stanziamento restino a disposizione del Fondo e quindi dei lavoratori esodati. L'obiettivo, come ha spiegato il presidente della commissione Lavoro, Silvano Moffa, è “regolamentare e definire un fondo per gli esodati comprensivo dei finanziamenti già individuati con precedenti decreti, con lo stanziamento del fondo di 100 milioni di euro previsto nella legge di stabilità e un'ulteriore somma individuabile sulla base di un contributo di solidarietà una tantum riguardante gli alti livelli di reddito e pensionistico nella quota parte in cui superano un determinato tetto”.

È previsto inoltre l'aumento dell'accise sulle sigarette, come clausola di salvaguardia. Il governo ha detto no proprio perché non crede che la copertura sia sufficiente. A sciogliere questo nodo sarà la commissione Bilancio, che potrebbe anche bocciare l'emendamento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il