BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu: ultima rata Dicembre più alta anche a causa Legge di Stabilità

Imu più alta per compensare tagli amministrazioni locali: i rischi con la nuova Legge di Stabilità



E’ fissato per il prossimo 16 dicembre il pagamento della terza o seconda rata (a seconda se si è optato per la rateizzazione dell’imposta o meno) dell’Imu, la nuova tassa sulla casa che da quest’anno ha sostituito la vecchia Ici.

L’ultima rata di dicembre, quella del saldo, sarà la più pesante per gli italiani che si ritroveranno a dover fare i conti con le diverse aliquote stabilite, all’insù o meno, dai vari Comuni di Italia. E sono già in tanti i sindaci che di fronte alle difficoltà dei bilanci da chiudere stanno pensando di alzare le aliquote dell'imposta al massimo, segno che questa rata rappresenterà un vero e proprio salasso per i possessori di case.

Ma il salasso Imu potrebbe derivare anche dalla compensazione dei tagli di spesa e dai nuovi aggravi derivanti dalla legge di stabilità che riguardano le amministrazioni locali.

Secondo, infatti, il presidente della Corte dei Conti Luigi Giampaolino, c’è il rischio di un aumento dell'Imu e delle tariffe comunali per compensare i tagli di spesa e i nuovi aggravi derivanti dalla legge di stabilità che riguardano le amministrazioni locali. Secondo la Corte, inoltre, il mix meno Irpef e più Iva appare sfavorevole per i contribuenti Irpef collocati nelle più basse classi di reddito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il