BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di stabilità: detrazioni, tasse Irpef, iva più alta. Le modifiche richieste dai partiti

Le modifiche alla Legge di Stabilità: le richieste dei partiti



L’aumento di un punto dell’Iva, che scatterà a partire dal prossimo luglio 2013; la riduzione delle aliquote Irpef e il capitolo detrazioni, contenute nella nuova Legge di Stabilità hanno creato negli ultimi giorni non poche critiche e discussioni, tanto che il governo si è detto aperto ad una serie di modifiche proposte dai partiti. Il premier Monti in queste settimane ha incontrato i leader delle forze politiche, ognuno con una propria richiesta.

L’ultimo ad essere stato ricevuto è stato il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, cui sta a cuore la situazione scuola, secondo lui troppo colpita, mentre sul fisco servono modifiche sulla questione delle detrazioni.

Sul fisco, in particolare, il segretario del Pd ha insistito sul beneficio per i ceti popolari e sulla domanda e secondo Bersani tutti si può fare con gli stessi saldi. Per il leader del Pd, servono soluzioni più flessibili, perchè quelle di adesso non lo sono.

Il leader del Pd al termine dell’incontro con Mario Monti e il ministro Vittorio Grilli, ha affermato che il premier è “parso disponibile a modifiche. Certo il governo è affezionato ai saldi e vuole dare qualche segnale sul cuneo fiscale, ma nel dialogo con le forze politiche si troveranno le soluzione più plausibili perché qualche difetto c’è”.

Richieste di modifiche vengono anche dal Pdl: il segretario Angelino Alfano si è detto contrario al “bombardamento fiscale. Non si può chiedere agli italiani altri sacrifici. La legge di stabilità presenta molti aspetti critici che abbiamo illustrato con chiarezza a Monti”.

Alfano ha ribadito il suo no all'aumento dell'Iva di un punto percentuale e alla retroattività delle detrazioni fiscali: “La nostra idea è che i saldi debbano rimanere invariati e che non si debbano toccare gli obiettivi di finanza pubblica. Bisogna rispettare il pareggio di bilancio nel 2013”. Secondo Alfano, se resta l'aumento dell'Iva la manovra va contro la ripresa economica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il