BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola 2012: i titoli in più devono essere aggiunti anche da chi ha già fatto domanda

Concorso scuola: i titoli in più da riportare e come fare



Scade mercoledì 7 novembre il termine per presentare le domande per partecipare al concorso della scuola 2012. Per farlo bisognerà registrarsi online sul sito POLIS del MIUR, basterà inserire il proprio codice fiscale e i propri dati anagrafici e di recapito.

Gli 11.542 i posti messi a disposizione dal concorso riguardano il personale docente nelle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di I e II grado, oltre ad i posti di sostegno risultanti liberi e disponibili in ogni regione negli anni scolastici 2013-20114 e 2014-2015.

Ma sono ancora diverse le novità che continuano a uscire, l’ultima è la sezione ‘Altri titoli’, per comunicare i titoli in più rispetto a quello di accesso. Si precisa che oltre i titoli richiesti dal concorso, come corsi di laurea, specializzazioni, master e dottorati, l’aspirante deve dichiarare, in regime di autocertificazione di cui al D.P.R. n. 445/2000, tutti i titoli previsti posseduti, come pubblicazioni ,ecc, entro il termine di scadenza della data di presentazione della domanda.

Per partecipare al concorso è stata, infatti, inserita la dichiarazione dei titoli valutabili. Chi ha già inoltrato la domanda deve modificarla e inserire anche questa informazione per poter essere valutabile.

Per ogni titolo posseduto bisogna riportare la dizione estesa del titolo stesso, l'anno accademico/scolastico di conseguimento, la votazione laddove necessaria e se si inseriscono le abilitazioni va indicata anche la procedura con la quale è stata conseguita l'abilitazione stessa; chi ha conseguito titoli all'estero deve indicare tutti i dati che consentono l'individuazione e la conversione dei crediti.

Per le pubblicazioni, bisogna indicare l'argomento o il titolo della pubblicazione, l'anno, la casa editrice ed eventualmente la classificazione se si tratta di una rivista.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il