BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui: aumenti tassi di interesse a causa della Tobix Tax approvata in Legge stabilità 2012

Mutui più alti a causa della Tobin Tax: la misura



Comprare casa oggi è sempre un’operazione su cui è necessario riflettere, soprattutto per la scelta del mutuo da preferire. La domanda sempre ricorrente è: meglio fisso o variabile? Al momento  se il variabile resta il più conveniente, con il tasso sotto il 2% grazie all'incredibile livello cui è sceso l'Euribor, sul lungo periodo potrebbe presentare qualche rischio, se si dovesse registrare una forte risalita dell'Euribor.

Per quanto riguarda il fisso, nonostante preveda rate più alte, è la tipologia sempre preferita da chi non vuole correre rischi e decide di pagare anche qualcosina in più, dormendo però sogni tranquilli, nel senso che se anche l’andamento del mercato dovesse cambiare, le rate del tasso fisso non cambierebbero comunque.

Nonostante questa tranquillità sono sempre più gli italiani che continuano a preferire il variabile. Ma un nuovo rincaro per i mutui potrebbe ora arrivare, soprattutto per quelli a tasso fisso, a causa della Tobin Tax. Se non ci saranno modifiche, con l’introduzione della nuova tassa, stipulare un mutuo fisso o variabile con CAP ci costerà di più.

Il ddl, infatti, prevede che per tutte le operazioni che si concluderanno entro il prossimo primo gennaio, il pagamento di un’imposta di bollo con l’aliquota dello 0,05% sul valore della transizione sia che essa riguardi la compravendita di azioni  o di altri strumenti finanziari sia che essa avvenga dentro o fuori dal territorio  Italiano se l’altra parte abbia la stessa residenza.

A partire da gennaio 2013 le transazioni finanziarie di azioni e derivati verranno, dunque, tassate con un aliquota dello 0,05% sul valore degli strumenti finanziari compravenduti ed ha stimato un gettito di 1.088 milioni di euro.

Al  governo non interessa se con la transazione in atto si sia guadagnato o perso, la tassa bisogna pagarla comunque sul valore nominale della transazione solo per il semplice fatto di aver effettuato la transazione.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il