BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Tasse su conti correnti, obbligazioni, azioni e conti deposito per il 2012 e 2013 con Decreto Monti

Nuova tassa su prodotti finanziaria: quanto costerà



E’ in arrivo una nuova tassa che colpirà tutti i titolari di conti correnti, obbligazioni, azioni e conti deposito, indipendentemente dalla somma ‘parcheggiata’.

Che si tratti infatti di milionari o cittadini dal conto corrente ‘normale’, tutti dovranno pagare al Fisco un bollo pari a 34,20 euro, perché il prelievo sui prodotti finanziari (pari all'1 per mille nel 2012) ha un minimo pari, appunto, a questa cifra. Gli unici esenti dal pagamento di questa imposta sono coloro che hanno meno di 5 mila euro di giacenza media sul conto.

 Chi invece deciderà di vincolare i soldi su un conto di deposito, o investendo in fondi comuni, azioni, polizze, bond, gestioni patrimoniali pagherà d'ora in poi una patrimoniale sul valore del suo capitale alla fine di ogni anno pari all'un per mille nel 2012 e all'1,5 per mille dal 2013 in poi.

Nonostante l’imposizione di questo pagamento che colpirà dunque tutti, non è detto che si riesca a raggiungere l’obiettivo sperato, e cioè recuperare soldi, perché i cosiddetti più ricchi potrebbero diversificare i propri investimenti, suddividendo le somme vincolate, in modo da pagare meno anche se posseggono di più.

La tassa prevista da decreto Monti, infatti, non prevede esenzioni per gli importi bassi e impone un'aliquota ben più elevata dell'1 per mille a tutti gli investimenti inferiori a 34.200 euro (nel 2012) e a 22.800 dal 2013 in poi, quando il prelievo salirà all'1,5 per mille.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il