BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu: scadenza saldo ultima rata dicembre non si cambia. Quando e come pagare

Imu: è caos sull’ultima rata. Le richieste dei Caf



Mentre i Caf e le Associazioni dei consumatori chiedono di far slittare la scadenza del pagamento della terza rata Imu a causa del ritardo da parte dei Comuni di ritoccare le aliquote sugli immobili, il ministro dell’Economia Grilli ribadisce che nessuna scadenza sarà prorogate e i termini rimarranno quelli prefissati. Ma già caos.

Sono molti, infatti, i possessori di case italiane che ancora non sanno quanto pagare l’imposta sulla casa e i Caf hanno chiesto una proroga dal 17 al 31 dicembre, perché molti comuni non hanno ancora stabilito l'aliquota di loro competenza, lasciando ai contribuenti pochi giorni per pagare.

Si sa, però, che le città maggiori pensano di applicare l'aliquota massima dello 0,6% sull'abitazione principale. Inoltre molti comuni, di ogni dimensione, hanno già provveduto ad aumentare tassa sui rifiuti ed addizionale Irpef, per risanare i loro bilanci in perdita.

I Caf hanno inoltre inviato agli 8mila Comuni una precisa richiesta al fine di ottenere le delibere e i regolamenti approvati nonché eventuali altre informazioni che consentissero di anticipare ed agevolare l'inserimento delle aliquote per il calcolo del saldo, la stampa dei modelli di versamento e la consegna al cittadino, ma ad oggi, ha fatto sapere la Consulta dei Centri di assistenza fiscale, hanno dato seguito alla richiesta poco meno di 1.500 Comuni (18% sul totale).

Ci sarà, dunque, poco più di un mese per reperire migliaia di delibere, di regolamenti e di capitolati esterni e inserire le aliquote nelle procedure di calcolo.

Per questo i Caf fanno appello direttamente al governo, chiedendo che il termine di presentazione della dichiarazione Imu venga fissato entro 90 giorni dalla data di pubblicazione del modello e delle relative istruzioni; che venga fissato un termine unico per la presentazione della dichiarazione Imu allineandolo a quello previsto per la dichiarazione dei redditi (30 settembre), e che sia previsto uno slittamento al 31 dicembre 2012 per il saldo senza applicazione di sanzioni. Richiesta, però, che sembra essere stata accetata dal ministro dell’Economia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il