BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa: novità per test primavera 2013. Ecco i cambiamenti possibili

Le novità di primavera dei Tfa: anticipazioni del ministro Profumo



Dopo le infinite polemiche nate intorno allo svolgimento dei primi test del Tfa (tirocinio Formativo Attivo) per tutti coloro che vogliono intraprendere la strada dell’insegnamento, si prospettano possibili novità in vista delle nuove prove di primavera, per equiparare la scuola italiana a quella europea.

Il ministro Profumo ha, infatti, annunciato un nuovo modello per il Tirocinio Formativo Attivo previsto per la prossima primavera, che dovrebbe essere valido per gli anni che passeranno tra un concorso per la scuola e l’altro. Le ipotesi per le nuove procedure di reclutamento, anticipate da Profumo stesso prevederebbero, come dallo stesso ministro spiegato, “una sorta di pre test, una valutazione preventiva, che possa individuare negli aspiranti docenti la presenza di due elementi: la loro capacità logica e la loro capacità deduttiva, dovrà poi essere valutata la competenza linguistica e la competenza informatica.

Per chi avrà superato la preselezione ci dovrà essere una fase di formazione in aula di tipo prevalentemente metodologico, poi il tirocinio avverrà nelle scuole in modo tale che ci sia un contatto diretto con gli alunni. Tra le prove attitudinali la preparazione di una lezione il cui tema sarà sorteggiato 24 ore prima e un colloquio che verterà sulla gestione della classe e più generale della scuola”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il